Al servizio di Adolf Hitler – V.S. Alexander

Trama

La dittatura è un veleno che contamina ogni cosa
La storia mai raccontata dell’assaggiatrice del Führer
All’inizio del 1943 i genitori di Magda Ritter inviano la loro figlia presso alcuni parenti in Baviera, sperando di tenerla al sicuro dalle bombe alleate che piovono su Berlino. Dalle giovani donne tedesche, in tempi così duri, ci si aspetta che facciano il loro dovere lavorando per il Reich e sposandosi per dare alla patria figli forti e in salute. Assegnata al rifugio di montagna di Hitler, solo dopo settimane di addestramento Martha scopre ciò che dovrà fare: sarà una delle giovani donne che assaggiano il cibo del Führer, offrendo la propria vita per evitargli di essere avvelenato. Così sperduto tra le montagne, il rifugio sembra lontanissimo dalla cruda realtà della guerra. Ma Magda, nonostante abbia cominciato ad abituarsi a quella pericolosa occupazione, non può fare a meno di accorgersi delle atrocità del Reich e si trova sempre più invischiata in intrighi che metteranno alla prova la sua lealtà. In gioco ci sono la salvezza, la libertà e la vendetta.
Un romanzo straordinario basato sulla vera storia delle ragazze che rischiavano la vita ogni giorno assaggiando il cibo del Führer
Alcuni commenti di lettori in anteprima

Recensione a cura di Maria Rita Truglio

Fino a qualche tempo fa ero completamente all’oscuro di questa figura legata ad Adolf Hitler.
Ho sempre collegato quegli anni ai campi di concentramento senza quasi mai pensare alle persone più vicine al Fuhrer. Fu nel 2013 che Margot Wolk, intervistata da una tv tedesca, parlò per la prima volta della sua esperienza come assaggiatrice.
Questo romanzo prende spunto proprio dalle parole della Wolk, come l’autore stesso scrive a fine racconto. Magda Ritter,la protagonista,ha la sua stessa età quando si ritrova catapultata nel Berghof, il rifugio montano di Hitler in Baviera.

A narrare la storia è un’ anziana Magda che schiacciata dal peso del suo passato, sente il bisogno di far conoscere la sua vita.

“La mia vita mi ha punita e il mio sonno è popolato da incubi. Non c’è via di scampo dagli orrori del passato.
Forse chi leggerà la mia storia non mi giudicherà così severamente come mi sono giudicata io.”

L’autore ha una scrittura fluida e la lettura non incontra intoppo alcuno.Ti immergi nella storia ed è impossibile non provare a mettersi nei panni di queste quindici ragazze che vivevano colazione,pranzo e cena con la paura che fosse l’ultimo pasto della loro vita. I loro giorni erano scanditi da una routine ferrea che col tempo arrivarono ad apprezzare perchè significava essere ancora vive.

“Fissai i piatti e pensai che quello poteva essere il mio ultimo pasto. Una fitta di paura mi paralizzò mentre portavo alla bocca il cucchiaio . E la mia indecisione non passò inosservata.”

Ottima è stata anche la capacità di Alexander di amalgamare una storia d’amore con tutte le vicissitudini del periodo senza mai risultare troppo invadente e ,senza mai cadere nel banale, ne ha fatto il filo conduttore. In questo Magda ha trovato un appiglio per resistere e riuscire a sopravvivere.

“…Tu sei forte Magda…l’ho visto fin dal momento in cui ti ho incontrata , l’ho visto persino nella fotografie.
Riuscirai a cavartela da sola.”

Molti i cambiamenti nella sua vita tra cui il trasferimento nella Tana del Lupo , il quartier generale nazista di Rastenburg. Era composto da una serie di bunker situati nel mezzo di una foresta della Prussia orientale.

Una donna dal coraggio immenso e mi piace pensare che ci sia sul serio un po’ della Wolk nel carattere di questo personaggio.

E’ un libro che non ha grandi pretese e come ha scritto l’autore, non intende essere una ricostruzione rigorosamente storica degli ultimi giorni del Terzo Reich. Tuttavia ci permette di vedere un’altra realtà di quegli anni.
Voglio riportare alcune parole dello scrittore:

“La maggior parte dei lettori leggerà questo libro come un romanzo, il resoconto fittizio di una vita in un periodo particolarmente significativo della storia.
Altri lo considereranno invece come un memoir storico.”

A noi la sentenza!

Formato: Formato Kindle

Dimensioni file: 468 KB

Lunghezza stampa: 317

Editore: Newton Compton Editori (25 gennaio 2018)

Venduto da: Amazon Media EU S.à r.l.

Lingua: Italiano

Link d’acquisto: Al servizio di Adolf Hitler

Facebook Comments

Facebook Comments

Precedente “Venetia Nigra” di Alessandro Vizzino, un Romanzo Storico che sorprende in ogni pagina…articolo 2 Successivo Perchè amiamo tanto i Templari?