Il Santo Graal, tra leggenda e realtà (Parte I)

Laura Pitzalis ci conduce nel mondo del mistero e della leggenda con una serie di articoli dedicati al Santo Graal. Si tratta di un argomento ostico e dibattuto ormai da migliaia di anni, su cui molto si è detto e teorizzato. La nostra Laura, tornata dal suo viaggio a Valencia, ha raccolto le tante informazioni e ha preparato per noi questa rubrica che suddivideremo in più puntate. Buona lettura!

A cura di Laura Pitzalis

Nel  mio viaggio a Valencia ho potuto ammirare, ben visibile dentro una meravigliosa cappella all’interno della Cattedrale, uno degli oggetti più contorti e oscuri della religione Cristiana: il Santo Graal … o supposto tale. Sì, proprio quell’oggetto che secondo la tradizione cristiana dovrebbe rappresentare la coppa che Gesù utilizzò con i suoi discepoli durante l’ultima cena.

Il Santo Caliz è composto dalla vera e propria coppa in agata corallina, proveniente da un’officina di Antiochia e datata al I secolo d.C., e da una base che pare una coppa rovesciata, fatta dello stesso materiale della coppa superiore, ricoperta di oro, perle e 27 pietre preziose tra cui due rubini e due smeraldi di grande valore. Questa è stata riconosciuta dagli studiosi come coppa Egizia successivamente rimaneggiata e arricchita. Sopra vi è un’iscrizione in arabo che ancora non è stata decifrata.

Ma è veramente il Sacro Graal questo meraviglioso calice che si trova a Valencia? Sicuramente sono l’ultima persona che può dare una risposta su un argomento così tortuoso e misterioso che ha scatenato discussioni, dibattiti e polemiche da centinaia di anni.  Quello che posso dirvi è che a Valencia il Santo Caliz è presentato come Santo Graal in virtù di una ricostruzione storica raccontata dalla tradizione aragonese. Questa ricostruzione sembra avere riscontri storici più forti dei suoi concorrenti.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

COS’È  VERAMENTE IL SACRO GRAAL?

Che cos’è il Graal? É una creazione della mente umana oppure è realmente esistito? Quando esattamente si è parlato per la prima volta di Santo Graal? Chi ha visto il Santo Graal? L’argomento affascina ancora oggi milioni di persone.

Intorno al Graal e alla sua ricerca sono nate leggende, cicli cavallereschi, in età diverse e con diverse radici che spesso hanno mescolato elementi della tradizione cattolica ad antiche saghe pagane e celtiche. Al Graal sono stati attribuiti poteri sovrannaturali, sia di natura fisica (capacità di guarire da ogni male, di infondere la vita, di dare ricchezze immense) sia di carattere spirituale.
Alla base della tradizione del Santo Graal ci sono pochi e confusi riscontri storici o archeologici (mentre abbondano leggende e storie affascinanti). Nel corso del tempo ha assunto diverse forme, lo ritroviamo spesso sotto forma di calice per poi divenire una coppa, una pietra e infine un libro.

Nei prossimi articoli vi parlerò nel dettaglio delle tante leggende che gravitano attorno alla figura del Graal, rimanete collegati su TSD!

Non perdetevi la seconda puntata sulle leggende del Santo Graal!

Le fonti

https://www.fashionfortravel.com/santo-graal-cattedrale-valencia/

https://it.blastingnews.com/cronaca/2014/04/trovato-il-calice-del-santo-graal-a-sostenerlo-due-storici-spagnoli-0080755.html

http://www.templaricavalieri.it/santo_graal.htm

https://siviaggia.it/borghi/borgo-basilicata-sacro-graal/206548/

https://www.goticomania.it/misteri-del-gotico/i-segreti-di-glastonbury.html

https://lupoedraghina.wordpress.com/tag/la-leggenda-del-re-pescatore/

http://www.acam.it/dove-si-trova-il-sacro-graal-i-luoghi/

http://www.cerchinelgrano.info/sacro_graal.htm

http://www.viaggizainoinspalla.com/2016/08/10/valencia-santo-graal/

https://www.focus.it/cultura/mistero/dove-nascosto-il-sacro-graal

https://napolipiu.com/la-ricerca-del-sacro-graal-porta-a-napoli-al-maschio-angioino

 

 

Facebook Comments

Facebook Comments

Precedente Petra Rubea - Pio Bianchini Successivo I misteri di Hatria – Niky Marcelli