Oculus Lunae – Giorgia Whistler

Trama

La vicenda, imperniata sulla vita di una veggente, si svolge sullo sfondo della Francia medievale.
Petra, questo il suo nome, a causa dei suoi poteri medianici, del suo carattere fiero e del suo alto senso di giustizia, è costretta fin da bambina a un continuo peregrinare da un villaggio all’altro per sfuggire a tre acerrimi nemici: la gente, la cui ignoranza induce spesso a considerarla una strega malefica; l’Abate Philippe, uno spietato inquisitore che vede in lei la personificazione stessa del demonio e alcuni potenti signorotti alla cui iniqua volontà non vuole piegarsi. Il suo lungo viaggio è disseminato di morti e tribolazioni, a lei ingiustamente attribuite e di soprusi e violenze a cui si oppone con fierezza e coraggio. La sua più grande aspirazione è rivedere la figlia, di cui ha perduto le tracce dopo che le è stata strappata all’età di due anni da un prepotente feudatario. Ma un giorno il Destino le consegna Occhio di Luna, una piccola sfera perlescente in grado di esaudire, in determinate circostanze, i desideri di chi la trova. La sua vita e quella di chi le sta intorno cambierà per sempre.

Recensione a cura di Alessandra Ottaviano

Il romanzo è ambientato nella Francia del XIII secolo, nel magico bosco del lunario tre ragazze trovano una piccola sfera opalescente e da subito ne percepiscono il grande potere.

Sentiva che c’era qualcosa di misterioso e potente racchiuso in quella creatura

Le giovani si impossessano della sferetta e la portano in casa, dalla donna con la quale vivevano: Petra, la protagonista del romanzo.

Petra è un’anziana donna che ha attraversato tante peripezie e sventure nella sua vita, fin da bambina è sempre stata consapevole del suo particolare “dono” e ciò che comporta, ovvero la preveggenza.

Avrebbe voluto gridare a tutti che per lei era una pena quel dono e vi avrebbe rinunciato volentieri, perché più che una dote era una crudele condanna

Un dono che, come si può facilmente immaginare, ha dei risvolti tragici nell’impotenza assoluta di fronte ai fatti che, nel bene e nel male, devono compiersi . Non riuscirà ad impedire che le venga rapita la sua unica figlia. La vita di Petra è stata un lungo peregrinare da un villaggio ad un altro, cercando di rimanere anonima, ma veniva spesso tradita dalla sua natura buona e altruista.

Era assai difficile per Petra rimanere sorda e insensibile alla miseria, alla sofferenza, al dolore … se il destino le aveva fatto dono di qualche potere straordinario , il suo dovere era quello di metterlo a disposizione di chiunque ne avesse avuto bisogno, lasciando da parte egoismi e timori.”

Purtroppo questo la porta a essere oggetto di particolare attenzione da parte dell’inquisizione.

Il terribile e zelante abate Philippe è ossessionato dalla presenza del demonio e intravede in Petra tutti i segni della possessione, dell’eresia e della stregoneria e la perseguiterà per decenni.

Riuscirà a scampare al rogo? Riuscirà a ricongiungersi con la figlia perduta? Qual è il misterioso potere che si cela dietro la pietra lunare?

In questo romanzo l’autrice sfoggia una grande proprietà di linguaggio, utilizzando un vocabolario molto vasto, e dialoghi rapportati al tempo descritto. Le descrizioni di luoghi e personaggi sono molto dettagliate e riescono a trasportare il lettore nel vivo della storia. Non si può non provare empatia per Petra, una donna che resta caparbia e fiera nonostante le sventure tremende che deve affrontare.

Una donna perseguitata, come spesso lo erano le donne del suo tempo  solo perché avevano una conoscenza delle varie erbe medicinali. Ci voleva relativamente poco per essere tacciate come streghe. Un personaggio che resta nel cuore del lettore e si contrappone alla spietata cattiveria degli uomini, soprattutto dei Signori locali, che erano soliti spadroneggiare mostrando tutta la loro malvagità.

La trama è ben intessuta, ricca di tanti personaggi, ma al tempo stesso scorrevole. L’autrice riesce a rendere bene le atmosfere dei luoghi  e dei boschi incantati. Il libro, pur essendo di ambientazione storica, sconfina nel fantasy, con quel pizzico di magia che non guasta, ma che dà un tocco in più al racconto.

 

Copertina flessibile:500 pagine

Editore:Youcanprint (14 agosto 2018)

Lingua:Italiano

ISBN-10:8827817506

ISBN-13:978-8827817506

Link d’acquisto volume cartaceo: Oculus Lunae

Link d’acquisto e-book: Oculus Lunae

 

Facebook Comments

Facebook Comments

Precedente Silenzio, parla Leonardo! Successivo Verso "Il nome della rosa - la serie" #1 Naturalmente, un manoscritto.