OscarTSD2020 – I vincitori!

Mentre a Hollywood si consegnano le statuette più famose del mondo del cinema, qui su TSD proclamiamo i vincitori del nostro speciale OscarTSD2020!
Intanto ringraziamo tutti coloro che hanno voluto partecipare proponendo le nomination per tutte le categorie in gara! Come sempre, c’è stato grande interesse da parte di tutti gli amici del gruppo Facebook “Thriller Storici e Dintorni”. Ecco allora i nomi dei vincitori!

La vittoria è andata nettamente a Leonardo Da Vinci, protagonista del libro di Daniela Piazza “La musica del male”. Un personaggio che nel corso del 2019, complice il cinquecentesimo anniversario dalla sua morte, è stato riproposto in tantissime uscite di romanzi e libri storici in generale. Tra i tanti protagonisti maschili, vince l’OscarTSD il Leonardo dipinto dall’autrice ligure che ha pubblicato il suo terzo libro con Rizzoli!

1482. Quando Leonardo da Vinci arriva alla corte di Ludovico il Moro, in veste di ambasciatore a Milano per conto del Magnifico Lorenzo, porta con sé in dono una lira d’argento a forma di teschio di cavallo, che ha progettato e costruito personalmente. Artista già noto a Firenze, Leonardo è anche un grande musico, ed è venuto alla corte sforzesca con due seguaci: il giovane allievo Atalante Migliorotti e Tommaso Masino, esperto nel leggere i moti degli astri e affascinato della magia, che si fa chiamare Zoroastro. Ben presto, però, lo strumento pensato da Leonardo rivela delle proprietà che sfuggono all’intelligenza del suo inventore: già alla prima esibizione pubblica, infatti, il maestro intuisce che la lira è dotata di volontà propria, e che le melodie che ne scaturiscono sono uniche e potenti, capaci di mettere in profonda connessione l’anima di chi la suona e di chi la ascolta. Qualità, queste, che Leonardo non riesce a spiegarsi razionalmente, ma che pure mette a frutto per realizzare il ritratto di Cecilia Gallerani, amante del Moro. Mentre diventa il protagonista della scena artistica di Milano, il genio toscano ospita in casa altri apprendisti, tra cui Salaì, un bimbo vivace e furbo proprio come il Saladino del Pulci. E quando all’improvviso la lira scompare nel nulla, sarà lui il primo indiziato, mentre Leonardo dovrà fare i conti con forze oscure e irrazionali che si rifiutano di sottostare alle amate leggi della scienza…

The winner is… Eleonora d’Aquitania! Grande protagonista della trilogia di Elizabeth Chadwick che ha visto la pubblicazione del secondo e terzo romanzo proprio nel corso del 2019! Una saga particolare di cui si parla su Thriller Storici e Dintorni da tempo, grazie alla nostra iscritta Romina Seppia che aveva già proposto la versione originale in inglese, auspicandone la traduzione e la pubblicazione completa anche in Italia. Qualcuno nella casa editrice deve aver accolto il suo suggerimento e i libri della Chadwick sono diventati tra i più venduti in Italia!

Inghilterra, 1176. Imprigionata nel castello di Sarum dal marito, re Enrico II, per aver appoggiato la rivolta scatenata contro di lui dai tre figli, Enrico, Goffredo e Riccardo, Eleonora d’Aquitania, donna dallo spirito fiero e indomito, è costretta a vivere isolata tra le fredde mura della fortezza, lontana dai suoi affetti e dal suo mondo regale. Dopo la morte del consorte, Eleonora può finalmente riconquistare lo scettro, diventando Regina Madre e governando da sola l’Inghilterra, anche in seguito all’incoronazione a Westminster del figlio, Riccardo Cuor di Leone, impegnato di lì a poco nella Terza Crociata in Terrasanta. Ma le tensioni tra i figli di Eleonora per il potere e per la spartizione delle terre s’intensificano a tal punto da trasformarsi in violente lotte fratricide. Il coraggio, la forza e la determinazione della regina sono messi a dura prova. Riuscirà Eleonora a sedare le ostilità tra i figli e a garantire alla figlie un futuro nelle più prestigiose corti d’Europa? Ma soprattutto, potrà finalmente trovare la pace che il suo nobile animo, in fondo, ha sempre desiderato?

Secondo OscarTSD per l’autrice Daniela Piazza che si aggiudica anche la statuetta per il Miglior Titolo tra i libri pubblicati nel 2019! “La musica del male” si aggiudica un importante riconoscimento. Il titolo è uno dei fattori principali per attirare l’attenzione del potenziale lettore. Buon punto per autrice e casa editrice!

Se il titolo è importante, la copertina forse lo è ancora di più. Il vestito cucito addosso al libro, l’impatto preponderante quando si getta uno sguardo sugli scaffali delle librerie. Nelle nomination sono stati proposti dai nostri lettori tantissimi libri con copertine davvero meravigliose. Molto arduo scegliere durante la votazione! Proprio per questo, da una lotta serrata è risultato un ex aequo tra due cover stupende!

Gli OscarTSD per la Miglior Copertina vengono assegnati a: “La moglie del santo” di Corrado Occhipinti Confalonieri e “Bellissima Regina. Maria D’Avalos e Fabrizio Carafa, un drammatico amore” di Miranda Miranda. Due autori amici di TSD a cui vanno tutti i nostri complimenti per questo premio. Chiaramente una menzione particolare per le due case editrici che hanno svolto un lavoro egregio: la Minerva Editore per “La moglie del santo” e Scrittura & Scritture per “Bellissima Regina”!

Piacenza, prima metà del Trecento. La città è martoriata dalle lotte tra le fazioni cittadine. Impegnato nella conquista del potere, il nobile guelfo Tommaso Confalonieri favorisce il matrimonio del figlio Corrado con Eufrosina Vistarini, di famiglia ghibellina alleata alla stirpe emergente dei Visconti di Milano. Nei primi anni Corrado è un marito apatico e sfuggente, sembra interessato solo agli svaghi, fino a quando un suo tragico errore mette a repentaglio la sopravvivenza di tanti concittadini e il buon nome del casato. Sopraffatto dai sensi di colpa, Corrado ha una crisi mistica e medita di dare una rivoluzionaria svolta alla sua esistenza. Ed è in questo momento che l’amore di Eufrosina si rivela grande e indispensabile. Sarà lei a incoraggiarlo, a dargli forza per il nuovo progetto di vita, e a rendersi a sua volta disponibile per un enorme sacrificio. L’incredibile vita di san Corrado ha toccato il cuore del suo omonimo, ultimo discendente Corrado Confalonieri Occhipinti, che ha ricostruito le sorprendenti tappe di questa storia d’amore carnale e spirituale, coniugando la precisione cronistica con l’affettuosa commozione.

Napoli. Palazzo San Severo. Quattro anni sono trascorsi da quell’agosto del 1586, quando donna Maria d’Avalos andava in sposa a Carlo Gesualdo, principe di Venosa e noto madrigalista italiano. Ma alla giovane e bella Maria poco si addice questo matrimonio: un sopruso prepotente, un’insopportabile imposizione, forse anche per via del carattere del marito, diffidente, geloso, possessivo, dedito alla composizione di musica malinconica. Durante un ricevimento, complice il ballo, Maria conosce il cavaliere Fabrizio Carafa dei duchi di Andria, uomo di rara bellezza e incontrastato valore. Ha inizio così una struggente storia d’amore, che li renderà dimentichi dei loro obblighi, amanti felici e sempre più sconsiderati, ma immortali agli occhi del mondo. Da sfondo, la Napoli del primo periodo vicereale, una città piena di stimoli diversi, orientale e barocca, capitale del Mediterraneo e metropoli di frontiera alle soglie del levante, poverissima e lussuosa.

Facebook Comments

Precedente L’intervista di TSD a Ramona Granato del blog “Leggimi nel pensiero” Successivo La bambina e il nazista - Franco Forte, Scilla Bonfiglioli