Tempo di Libri – Milano – 22 Aprile 2017

27

Sabato 22 Aprile 2017: sicuramente una data che ricorderò a lungo. Che ricorderemo molto a lungo.

E’ stato il nostro primo raduno. Thriller Storici e Dintorni per la prima volta nella sua vita è entrato nel mondo reale. Lo abbiamo battezzato, se così possiamo dire.  E quale battesimo migliore se non ad una grande fiera letteraria come Tempo di Libri a Milano?

31

Per me, ma anche per altri di noi, era la prima volta in assoluto ad una fiera di questo livello.  Anche la manifestazione stessa era al suo “battesimo”, essendo la prima edizione in quel di Milano.

4Prima di parlare della fiera, vorrei soffermarmi sull’incontro avvenuto tra i membri di TSD. Dopo tanta attesa, ci siamo finalmente visti. E’ stato emozionante dare un volto e una voce a molte persone che fino a quel momento si erano solo lette sugli schermi del pc o del cellulare. All’appuntamento eravamo in 12, tutti con una grandissima voglia di passare una giornata tra amici e in mezzo alla nostra grande passione.

Ciò che più mi ha colpito è stata la naturalezza dei rapporti tra i membri di TSD. In pochi minuti sembravamo già amici da tempo. Non sono mancate battute, scherzi, ironia e tanta voglia di scoprire e conoscere libri ed autori.2

Devo ringraziare tutti per la partecipazione meravigliosa, compresi tutti gli autori e gli editori che abbiamo incontrato e che ci hanno accolti con tanto affetto. Abbiamo avuto la possibilità di stringere la mano ad autori come Matteo Strukul, Patrizia Debicke, Maria Luisa Minarelli (spero che ci perdonerà il colpevole ritardo alla sua presentazione e cerco di farmi perdonare con questa bella foto che vedete di seguito), Ugo Moriano, Daniele Cambiaso, i Gemelli Ripa, Barbara Bolzan, Carlo Animato ed altri ancora.  43

Non sono mancati gli acquisti da parte di tutti noi, ovviamente: bottini eccezionali e tante dediche personalizzate.

Questo è il bello di certe fiere, poter finalmente incontrare dal vivo gli autori che leggi giornalmente online, su Facebook, nei blog. Li ritrovi lì di fronte a te, ti parlano dei loro libri con una passione che non può lasciarti indifferente. Mi sono trovato più volte a pensare “quanto vorrei essere davvero parte di questo mondo”. Lo so, gli addetti ai lavori mi diranno “ma sei matto? Quella che hai visto tu è la faccia della medaglia che brilla e risplende, ma dietro…”.  3 Beh può darsi, forse sono ancora troppo “ingenuo”, ma voglio sognare guardando quella medaglia e pensare che in un modo o nell’altro ci si può riuscire. Mai dire mai nella vita.

Tornando alla fiera, ho sentito pareri negativi sull’affluenza, sull’organizzazione, sull’eccessivo numero di presentazioni e la mancanza di eventi che coinvolgessero di più il lettore. Forse, visitandola per un solo giorno non ho potuto apprezzarla a pieno. Non posso fare un paragone con altre essendo stata la mia prima volta, ma posso dire che in fin dei conti mi è piaciuta.

Purtroppo non ho avuto tutto il tempo necessario per visitare ogni stand, e ho cercato di concentrarmi su quelli più di nicchia e particolari. Ho scoperto case editrici che non conoscevo come la “Scripta Manent” e la “Edizioni Terra Santa” che mi hanno particolarmente colpito. Ho conosciuto finalmente Vanessa della Casa Editrice “Leone Editore“, che è stata carinissima e ci ha permesso di girare una piccola diretta Facebook sul gruppo con i Gemelli Ripa.

La mia idea era proprio di vivere cosi questa  fiera, buttandomi sul meno conosciuto, sull’emergente, che spesso ti sorprende e ti regala grandi emozioni. Qualcuno ci è anche riuscito, prima ancora di immergermi tra le pagine dei libri che ho comprato.

47Vorrei, infine, fare un commento in merito alla diatriba Fiera di Torino – Fiera di Milano. Ma è proprio necessario questo scontro? Forse due fiere a distanza di un mese esatto, in due città nemmeno troppo lontane, possono essere troppe. Ma ricordiamoci anche che siamo uno tra i paesi in Europa in cui si legge meno.

Se questo tipo di manifestazioni permette anche solo in minima parte a diffondere l’amore per la lettura e a diffondere la cultura, allora non saranno mai troppe. Avvicinandomi a questo mondo da poco tempo, trovo tanta passione nelle persone che incontro lungo il cammino, ed è contagioso. C’è così tanto da scoprire, da condividere, da leggere, quindi ben vengano certe occasioni. Spero sia la prima di una lunga serie di fiere, e il primo di tantissimi raduni di TSD, sempre più numerosi e sempre più all’insegna dei libri. Perché è SEMPRE “Tempo di Libri”.

41

Lascio la parola ai miei compagni di viaggio, con cui ho avuto l’onore di condividere questa splendida giornata… Grazie per le vostre emozioni!

Sara Valentino

Una giornata speciale!!
Ciò che più di tutto mi ha reso felice è stata la possibilità di poter dare un volto e guardare negli occhi, finalmente dopo tanto tempo di frequentazione virtuale, gli amici di questo nostro piccolo mondo che è TSD; ho scoperto che siamo persone in perfetta sintonia e che il nostro amore per i libri ci ha unito in maniera così intensa che è come se ci conoscessimo da una vita.
L’ambiente poi del raduno… Una fiera di libri, la mia prima per altro, overdose da libri; che dire… una giornata emozionante da imprimere nella mia memoria per sempre… Grazie a tutti

Donata Beretta

Gran bella esperienza! Rendere reali persone che fino ad ora erano solo un nome su PC è stata sicuramente la cosa più importante… ma scoprire che in un attimo eravamo tutti sulla stessa lunghezza d’onda… davvero mitico! E che dire dei nostri scrittori che ci hanno fatto compagnia? lettori e scrittori insieme… esaltante per la mente e per il cuore! E poi i libri: libri ovunque, da dare il capogiro. Gran giornata!

Daniela Piazza

Una esperienza bellissima! In compagnia è tutto più divertente, anche quando ci si rincorre tra una corsia e l’altra, in mezzo a meravigliose pile di libri! Ho avuto modo di ritrovare colleghi che considero ormai cari amici, come Patrizia Debicke e Matteo Strukul e di conoscere finalmente altri compagni di TSD, oltre a Roberto Orsi con cui mi sono già piacevolmente intrattenuta in altra occasione. Sono convinta che l’amicizia virtuale si trasformerà in amicizia vera: già ci stiamo organizzando per il prossimo incontro di gruppo!

Cristina Costa

Sabato 22 aprile ho partecipato alla Fiera del Libro a Milano con l’entusiasmo di un’appassionata lettrice e la grande curiosità di conoscere finalmente di persona alcuni membri del gruppo.
Non mancava però un pizzico di timore…in fondo sono un po’ timida…e un appuntamente al buio mi intimoriva un pochino: come saranno, come mi vedranno, a parte la lettura che ci accomuna, di che altro parleremo? Mi ritroverò a girare la Fiera da sola non vendendo l’ora di andare via?
Tutti timori infondati!!!!!!!!!!!!!!
Ho incontrato persone VERE che mi sembrava di conoscere da sempre…sono stata molto contenta di aver partecipato e spero ci saranno altre occasioni simili!
Grazie al Presidente Roberto e alla mitica Sara per questa opportunità.
E poi che dire….ho ritrovato una sorella! Maria Cristina Destro!

Maria Cristina Destro

Scrittori accanto a semplici lettori,

Giovani e meno giovani,

Culture diverse e mondi diversi accomunati dal desiderio di trascorrere del tempo circondati da tutti quei libri che aspettano di essere divorati, letti o appena sfogliati. Incontrarsi … condividere una passione con persone sconosciute uscite per un giorno dal mondo virtuale in cui sono abituate a scambiarsi idee, curiosità suggerimenti, letture o semplici “mi piace”. Incontrare … non essere semplicemente spettatori ma presentarsi agli autori, presentarsi come gruppo, ascoltare ed essere ascoltati.

Tornare … alla propria vita di sempre rimpiangendo magari un libro non acquistato ma con la certezza di aver arricchito il proprio bagaglio di conoscenze,di aver incontrato belle persone e aver aggiunto qualche amicizia in più .

Così riassumo l’entusiasmo del primo raduno che si è palesato nell’immediato sul web con un’esplosione di foto commenti e faccine sorrident.

Adattando perciò la celebre frase “Nulla dies sine linea” mi auguro che non esista giorno senza che nessuno tratteggi qualcosa di comune interesse sul blog che tutti noi condividiamo e contribuiamo a far crescere.

Paolo Marzola

Premetto di non essere mai stato molto presente nel gruppo quanto avrei voluto, ma si sa a volte il tempo è tiranno. I thriller storici mi piacciono parecchio, come anche altri generi letterari.

Sabato scorso è stato per cui un vero piacere conoscere dal vivo il fondatore Roberto Orsi con cui mi sono congratulato per l’enorme successo che il gruppo sta avendo grazie soprattutto alla qualità dei partecipanti. Credo di essere stato io, Roberto può confermare, ad avergli suggerito il nome da dare al gruppo nell’agosto del 2015 per cui sono ancora più felice di averci preso. La passione per i libri e per la storia ci accomuna, sono affinità piuttosto rare di questi tempi, per cui cercherò di partecipare il più possibile alle attività di Thriller storici e dintorni soprattutto dopo aver conosciuto a Tempo di libri persone molto simpatiche e competenti con cui che divido una passione. Per cui a presto!

Marina Viganò

È stata un’esperienza interessante. Ho potuto conoscere di persona vari autori e sentire in anteprima incipit di future pubblicazioni ma anche di dialogare con loro scambiando pareri su libri già letti o in lista d’attesa di prossima lettura.

E poi finalmente dopo esserci scritti su  Facebook, ho conosciuto di persona alcuni componenti del gruppo, con cui ho potuto scambiare pareri, risate e molto altro.

Alla prossima avventura-esperienza…

Giovanna Barbieri

L’aspettativa di poter incontrare tanti amici virtuali, che frequentano assiduamente con me il gruppo Thriller storici e dintorni, non è stata disattesa. Un gruppo che ho visto nascere e crescere con il tempo, grazie agli interventi intelligenti dei partecipanti, collaboratori, e del fondatore Roberto Orsi. È stato molto emozionante poter conoscere di persona tante amanti della Storia. Esperienza da ripetere al più presto, mi sono molto divertita. La fiera del libro di Milano, comunque, l’ho trovata interessante, anche se avrei puntato di più sulle conferenze a tema letterario, su spazi più gradi per poter assistervi (alcune aule erano così affollate da non poter entrarci) e su agevolazioni per le CE medio-piccole.

Diana Stella

Avete presente un bambino goloso in una pasticceria? Ecco proprio così mi sentivo quel sabato a Tempo di Libri. Tutti quei libri. Tutti quegli autori. E il Gruppo. Eh sì perché finalmente, dopo tanto scrivere, consigliare, discutere, condividere su FB eravamo lì a Milano a guardarci in faccia in carne ed ossa mica solo post!

Io ho abbracciato di slancio Daniela Piazza e Giovanna Barbieri esclamando felice ‘sono una vostra lettrice! Mi piacete!’ Mi hanno presa per pazza ma loro, gentili, invece di chiamare il 118 hanno contraccambiato il mio abbraccio sorridendo un po’ stralunate da tanta irruenza. Foto ricordo di gruppo col Boss che esibiva la maglietta ufficiale di TSD e poi via! Siamo sciamate come come api impazzite verso il nostro obiettivo : I LIBRI e GLI AUTORI

Bellissima esperienza che è valsa il lungo viaggio

Sarebbe bello l’anno prossimo ripetere l’esperienza sperando in una ancor più numerosa partecipazione degli iscritti a TSD.

Facebook Comments

Facebook Comments

Precedente Il nome della rosa - Umberto Eco Successivo “Nero Caravaggio” - Max e Francesco Morini