Scripta Manent: Andrea Zanetti

Nel 2017 ho conosciuto una piccola realtà editoriale della provincia di Treviso, molto orientata a pubblicazioni che raccontassero il territorio. Piazza Editore è molto conosciuta nella provincia di Treviso, dove pubblica da 26 anni e il mio progetto è piaciuto molto a Silvano Piazza, il titolare, che ha deciso di pubblicare Il Principe di Venezia con una tiratura iniziale di 1.000 copie e impegnandosi a pubblicare anche gli altri libri della saga.

Usando solo 5 aggettivi descrivi che scrittore sei

Direi che sono: romanziere d’avventura, documentato, didascalico, prosaico, produttivo.

Una motivazione che convinca il lettore a leggere i tuoi libri

I miei libri vogliono riportare il lettore indietro nel tempo, facendogli rivivere non solo un’epoca d’oro come fu il Cinquecento veneziano, ma anche i più grandi avvenimenti del XVI secolo, come la battaglia di Agnadello, la Battaglia di Lepanto, i viaggi per mare su galere d’epoca alla ricerca di antichi tesori e reliquie. In questa trilogia si rivive il campi di battaglia come i giochi di potere dentro uno dei palazzi più influenti e iconici di quel tempo, quale fu Palazzo Ducale, a Venezia.

Dacci la tua citazione preferita tratta dai tuoi libri

Non ho citazioni di rilievo, preferisco una lettura integrale dei romanzi

Cosa significa per te la Storia?

la storia è inesauribile fonte di ispirazione, di riflessione, di consapevolezza del presente e del futuro. È la risposta alla domanda più frequente che poniamo oggigiorno: “perché?” È tutto lì, basta solo trovarlo nei racconti di ciò che è stato fatto e di ciò che siamo stati.

Perché hai deciso di partecipare a Scripta Manent?

Partecipo a Scripta Manent perché credo che la cultura e la letteratura vadano supportate e incentivate. Siamo un Paese che ha disperatamente bisogno di leggere e di riscoprire se stesso. Queste iniziative vanno nella direzione giusta.
Ecco i libri della trilogia “Sulle ali del leone” che potrete trovare a Scripta Manent, editi da Piazza Editore!

Facebook Comments

Precedente Il volontario di Auschwitz - Witold Pilecki Successivo Leonardo e Freud: un falso mito - Prima parte